Home > Gli allievi > G. Castelnuovo

Giovanni Zeno Giambelli

(1879-1953)

Nacque a Verona il 29.6.1879 e morì a Messina il 31.12.1953.

Si laureò in Matematica nel 1901 presso l'Università di Torino, dove era uno dei più brillanti allievi di Corrado Segre che, proprio in quell’occasione, scriveva a Mario Pieri: "Un altro bravo giovane abbiam laureato nei giorni scorsi, certo Giambelli, al quale avevo comunicato un anno fa una tua formola inedita sugli spazi secanti. Nella sua tesi di laurea egli ha dato (insieme ad altre cose) una bella espressione simbolica del prodotto dalla quale si traggono immediatamente come corollari le formole tue, di Schubert e di Castelnuovo" (20.11.1901, cfr. Arrighi G. (a cura di), Lettere a Mario Pieri (1884-1913), Quaderni Pristem, Università Bocconi, Milano 1997, p. 114).
Rimase a Torino come assistente di Geometria fino al 1903, quando si trasferì all'Università di Genova come libero docente sulla cattedra di Geometria proiettiva e dove, nel 1906, fu incaricato del corso di Geodesia teoretica. Nel 1910 fu chiamato all'Università di Cagliari come professore di Algebra complementare e qui rimase fino al 1912. Dopo aver insegnato anche all'Università di Pavia, nel 1915 si spostò all'Università di Messina come professore straordinario di Analisi algebrica. Dal luglio del 1916, per tre anni, fu ufficiale dell'esercito e si occupò, fra l’altro, dello studio delle traiettorie dei missili. Nel 1925 ottenne l’ordinariato di Analisi algebrica presso l’Università di Messina, dove rimase fino al collocamento a riposo.
Lasciò una cinquantina di lavori dedicati alla geometria algebrica e a questioni di geometria numerativa. Appena due anni dopo la laurea, nel 1903, pubblicò due fra le sue memorie più importanti: Il problema della correlazione negli iperspazi e Risoluzione del problema degli spazi secanti, dove si trova il suo risultato più noto, la formula detta di Giambelli-Thom-Porteous. Già in questi lavori si riscontra una particolare abilità nel tradurre le questioni geometriche nel linguaggio algebrico e combinatorio e, viceversa, nell'ottenere notevoli risultati di tipo geometrico dalla manipolazione formale. La tendenza a formalizzare al massimo i procedimenti è ancora più evidente nell’articolo Sul principio della conservazione del numero, apparso nel 1904 sulla rivista Jahresbericht der Deutschen Mathematiker-Vereinigung: non stupisce, dunque, che di qui sia nata un’aspra controversia che lo contrappose a Francesco Severi, sostenitore, invece, della superiorità del metodo intuitivo. Uno degli articoli più profondi e che meglio mostra il suo sforzo di fornire una soluzione rigorosa ai problemi di geometria numerativa è Risoluzione del problema generale numerativo per gli spazi plurisecanti di una curva algebrica, apparso nel 1909 sulle Memorie dell’Accademia delle Scienze di Torino.

CERTIFICATO DI LAUREA

Fonti bibliografiche


Tricomi 1962, p. 59; B.D. Laksov Remarks on Giovanni Zeno Giambelli's work and life, in A. Brigaglia C. Ciliberto E. Sernesi (a cura di), Algebra e geometria (1860-1940): il contributo italiano, Suppl. ai Rend. Circolo Mat. Palermo, 2, 36, 1994, pp. 207-218.

Elenco delle pubblicazioni